rottas torica etiopia

Invito all’Etiopia – La Rotta Storica

L’Invito all’Etiopia o “La rotta storica” e’ un percorso che si snoda attraverso le regioni settentrionali dell’Etiopia attraverso i principali siti storici e religiosi del paese, ponte tra la cultura europea, mediorientale ed africana. L’itinerario si sviluppa a nord della capitale Addis Abeba proseguendo fino a Bahar Dar sulle rive del Lago Tana, il più grande del paese, costellato da isolette sulle quali si nascondono tra il verde della vegetazione antichi monasteri e stupende chiese affrescate. Da qui nasce il Nilo Azzurro che precipita pochi kilometri più a sud in imponenti cascate. Si prosegue per Gondar, prima capitale e culla del rinascimento etiope con i suoi castelli e la celebre chiesa della Trinità dallo stupendo soffitto affrescato coi volti di cherubini. Il viaggio continua verso Nord con un lungo trasferimento che ci avvicina al tormentato massiccio del Simyen, “la scacchiera degli dei”, che con il Ras Dashen di 4.600 m raggiunge il punto più alto del paese. Raggiungiamo Axum, culla di un antichissimo impero che, con la conversione dei suoi re, portò il cristianesimo in Etiopia. Visiteremo il parco archeologico delle steli e la chiesa di Mariam Tsion con i suoi tesori ed il mistero dell’arca dell’alleanza. Attraversando l’altopiano del Tigray caratterizzato dalle sue ambe, tipiche montagne a tronco di cono che proteggono stupende chiese monolitiche scavate nella roccia e decorate con antichissimi dipinti, raggiungeremo Lalibela, “la Gerusalemme Etiope”, dove un re ed un sogno realizzarono uno straordinario complesso di chiese rupestri mai visto prima!

3.130,00

L’Invito all’Etiopia o “La rotta storica” e’ un percorso che si snoda attraverso le regioni settentrionali dell’Etiopia attraverso i principali siti storici e religiosi del paese, ponte tra la cultura europea, mediorientale ed africana. L’itinerario si sviluppa a nord della capitale Addis Abeba proseguendo fino a Bahar Dar sulle rive del Lago Tana, il più grande del paese, costellato da isolette sulle quali si nascondono tra il verde della vegetazione antichi monasteri e stupende chiese affrescate. Da qui nasce il Nilo Azzurro che precipita pochi kilometri più a sud in imponenti cascate. Si prosegue per Gondar, prima capitale e culla del rinascimento etiope con i suoi castelli e la celebre chiesa della Trinità dallo stupendo soffitto affrescato coi volti di cherubini. Il viaggio continua verso Nord con un lungo trasferimento che ci avvicina al tormentato massiccio del Simyen, “la scacchiera degli dei”, che con il Ras Dashen di 4.600 m raggiunge il punto più alto del paese. Raggiungiamo Axum, culla di un antichissimo impero che, con la conversione dei suoi re, portò il cristianesimo in Etiopia. Visiteremo il parco archeologico delle steli e la chiesa di Mariam Tsion con i suoi tesori ed il mistero dell’arca dell’alleanza. Attraversando l’altopiano del Tigray caratterizzato dalle sue ambe, tipiche montagne a tronco di cono che proteggono stupende chiese monolitiche scavate nella roccia e decorate con antichissimi dipinti, raggiungeremo Lalibela, “la Gerusalemme Etiope”, dove un re ed un sogno realizzarono uno straordinario complesso di chiese rupestri mai visto prima!

1° GIORNO: Partenza dall’Italia

Partenza da Milano o Roma con volo di linea notturno per Addis Abeba.

2° GIORNO: Addis Abeba

Arrivo di buon mattino all’aeroporto internazionale Bole. Dopo aver sbrigato le formalità di sbarco ed ottenuto il visto d’ingresso di $ 50, incontro (all’uscita degli arrivi) con la guida locale di lingua italiana e trasferimento in città. Inizio delle visite con l’interessantissimo Museo Nazionale che vanta, oltre ai resti della celebre Lucy, una bella raccolta archeologica ed etnografica con bei costumi e paramenti in mostra. Il mercato che occupa la zona occidentale della città, diviso in quartieri a seconda delle merci e’ di certo uno tra i più vasti di tutto il continente, il centro storico ed i palazzi del governo. Pranzo in ristorante. Cena e pernottamento all’Hotel Jupiter o similare.

3° GIORNO: Addis Abeba – Debre Markos

Dopo la prima colazione partenza in 4×4 per Debre Markos. Il trasferimento ci porta in territorio Amara attraverso sali e scendi che alternano boschi di eucalipto, graziosi villaggetti, montagne imponenti e valli coltivate. Visita alla chiesa di Debre Libanos considerata una delle più sacre ed importanti della regione. Rientrando sulla strada principale si visita il “Ponte portoghese” che fu costruito a cavallo tra il 19° e 20° secolo da Ras Darge. Il ponte sorge sul fiume Gur, subito prima della cascata che lo immette nel fiume Jemma, un affluente del Nilo Azzurro. Si potrà inoltre godere del magnifico panorama sottostante. Seconda colazione pic-nic. Proseguendo lungo la strada, il magnifico canyon del Nilo Azzurro catturerà lo sguardo; il canyon, che è fra i più maestosi d’Africa, è comparabile come dimensioni e come formazione geologica, al Gran Canyon americano. Continuazione per Debre Markos che sarà raggiunta in serata. Sistemazione all’Hotel Tilik o similare per la cena ed il pernottamento.

4° GIORNO: Debre Markos – Bahir Dar

Di buon mattino prima colazione e partenza per Bahar Dar. Raggiungiamo le rive del lago Tana dove una barca a motore sarà ad attenderci per una mezza giornata di escursione. Il lago e’ costellato da diverse isolette, molte delle quali nascondono gelosamente tra il verde della vegetazione antichi monasteri che hanno difeso incredibili tesori e conservato tradizioni e cerimonie antiche della religione copta etiope. Visiteremo le chiese di Ura Kidane Mihiret ed il monastero di Azwa Mariam nella penisola di Zeghié. Pranzo al sacco. Cena ed il pernottamento all’Hotel Summerland o similare. 5° GIORNO: Bahir Dar – Gondar

Di buon mattino verso 06.30 partenza per escursione a Tissisat per ammirare le spettacolari Cascate del Nilo Azzurro! Una muraglia d’acqua che precipita per quasi 60 metri! Nonostante la diga da poco costruita abbia modificato il corso del fiume e la portata delle cascate, la breve passeggiata offre sempre begli spunti e paesaggi. Proseguimento poi per Gondar che sarà raggiunta per il pranzo. Pomeriggio dedicato alla visita di Gondar soprannominata “la Camelot” etiope per i suoi magnifici castelli. La visita comincia proprio da qui..La capitale del regno di Fasilladas fu costruita nella seconda metà del 1600. Si visiterà il Castello di Fasillidas, la Biblioteca, la Cancelleria, il Castello di Jyasù il Grande, i bagni di re Fasillidas. Ma lo spettacolo indimenticabile sarà il bellissimo soffitto della chiesa di Debre Berhan Selassie dove 80 piccole facce di cherubini scrutano e proteggono con i loro occhi neri i visitatori sottostanti! Pensione completa all’Hotel Taye o similare.

6° GIORNO: Gondar – Semyen – Axum

Di buon mattino partenza per una lunga ma affascinante tappa che in 350 km porta ad Axum nell’estremo nord del paese. L’attrattiva più importante di questa giornata sarà l’avvicinamento al grande e spettacolare massiccio del Semyen “la scacchiera degli dei” la cui punta più alta, il Ras Dashan, raggiunge i 4.620 metri! Il panorama diventa molto suggestivo ed il viaggio si snoda attraverso boschi, campi coltivati che si alternano a duri picchi, guglie e crepacci. Possibilità di incontrare famiglie di Babbuini Gelada, una specie endemica di questa regione. Pranzo al sacco. Arrivo a sera, cena e pernottamento al Yeha Hotel o similare.

7° GIORNO: Axum

Pensione completa in albergo e giornata dedicata alla visita di questa città che fu la capitale di un grande regno africano quando l’Africa era ancora un paese sconosciuto e misterioso. Storie, leggende e testimonianze fanno di questa città un centro tra i più intriganti dell’Etiopia. Si visiterà il Museo e la Chiesa di Santa Maria di Zion che, secondo la tradizione, conserverebbe l’Arca dell’alleanza. Visiteremo il parco degli obelischi con la Stele di Axum, dei monumenti funebri pre-cristiani e l’interessantissimo museo adiacente. Visita alle tombe dei re, alle rovine del castello del Kaleb e del palazzo della Regina di Saba.

8° GIORNO: Axum – Gheralta ed il Tigray

Dopo la prima colazione partenza per la regione del Tigray che conserva magnifiche chiese, tesori della profonda fede etiope. Cominciamo da un luogo sacro e… pagano: il tempio della luna di Yeha, le cui origini risalgono a 700 anni prima di Cristo, testimonianza delle incredibili relazioni commerciali che già a quel periodo attraversavano il paese collegandolo al bacino del Mediterraneo. Il viaggio prosegue con la visita alle chiese di Pertos we Paolos, Mikael Milehay Zenghi e Medhanealem Adi Kosho. La visita di questi siti non richiede che facili camminate. Pranzo al sacco. Arrivo a sera al Gheralta Lodge o similare per la cena ed il pernottamento.

9° GIORNO: Mekele

Dopo la prima colazione il viaggio prosegue con la visita delle stupende chiese rupestri di Gheralta. Lungo il tragitto visiteremo le chiese di Maria Korkor, Abreha we Atsbeha e Degum Sellasie. Pranzo al sacco. Mariam Korkor e’ una delle più complesse chiese rupestri del Tigray. Sorge nei pressi del villaggio di Megab dove lasceremo il bus per raggiungere la chiesa con una camminata di circa un ora e mezzo. Al suo interno potrete ammirare antichi dipinti come quello dell’archangelo Raffaele o l’enigmatica Vergine con la cintura, il cui addome e’ circondato da un cerchio che ci riporta alla tradizione bizantina. Al ritorno al bus sarà servito il pranzo al sacco.
Abreha we Atsbeha e’ una delle più grandi e vecchie chiese del Tigray e sorge a circa 15 km dal villaggio di Wukro. La chiesa e’ stata costruita in onore dei due re fratelli di Axum Abreha e Atsbeha. Raggiungibile a piedi offre uno dei più validi esempi di architettura di pietra oltre che stupendi affreschi alcuni dei quali risalenti al XVII sec. Degum Sellasie e’ facilmente raggiungibile. Il suo interno offre interessanti bassorilievi oltre che gli immancabili affreschi. Arrivo a Mekelle la sera. Sistemazione all’Axum Hotel o similare per la cena ed il pernottamento.

10° GIORNO: Mekele – Lalibela

Primissimo mattino colazione. Intera giornata di viaggio passando attraverso vari villaggi e piccole cittadine. Una tappa lunga e faticosa ma di grande interesse panoramico e storico. Seconda colazione lungo strada. Arrivo a Lalibela nel tardo pomeriggio. Sistemazione al Lal Tukul Lodge o similare per la cena ed il pernottamento.

11° GIORNO: Lalibela

Lalibela offre il più straordinario e famoso complesso di chiese rupestri. Incredibilmente scavate nella roccia , svuotate e decorate con fregi, bifore, tramezzi e rosoni. Cunicoli e corridoio uniscono molte di loro. Partenza per la visita delle 11 chiese: Beta Meskal, Beta Maryam, Beta Mikael, Beta Golgota, Beta Tangal, Beta Emanuel, Beta Gabriel, Beta Lehem, Beta Mercurios, Beta Abba Libanos per terminare con la più famosa Beta Gyorgis!. Pensione completa all’hotel.

12° GIORNO: Lalibela – Kombolcha

Di buon mattino, prima colazione e partenza per Kombolcha. A pochi minuti da Lalibela visiteremo la chiesa di Nakutalab. Il percorso si snoda attraverso passi, vallate e villaggetti dai ritmi molto lenti e rilassanti.. pranzo picnic e visita al bel Lago Hayk. Arrivo in serata all’hotel Sunny Side o similare per la cena ed il pernottamento.

13° GIORNO: Kombolcha – Addis Abeba e Partenza per l’Italia

Dopo la prima colazione partenza per far ritorno ad Addis Abeba. Pranzo al sacco. Tempo a disposizione per un ultimo shopping in città prima della cena di commiato che sarà servita in un ristorante tradizionale con spettacolo di danze. Al termine della serata, trasferimento in aeroporto per l’imbarco sul volo notturno dell’Ethiopian Airlines per l’Italia.

14° GIORNO: Arrivo in Italia

Arrivo in Italia all’aeroporto di provenienza previsto di buon mattino.

Print Friendly, PDF & Email
Seguici e metti mi piace su:
0

Recensioni

0.0
0
0
0
0
0

Recensisci per primo “Invito all’Etiopia – La Rotta Storica”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ancora non ci sono recensioni.

Prodotti correlati

EASY SENEGAL, un viaggio meraviglioso
Viaggio Invito al MADAGASCAR
Viaggiatori nel Mondo
preloader