sri-lanka-450

Invito allo Sri Lanka

Questo è il classico degli itinerari, che permette in un periodo contenuto, di visitare le aree salienti di questo splendido paese. In pochi giorni vengono presentati le più importanti attrazioni culturali che testimoniano l’intensità e la commistione delle tradizioni che fanno di questo popolo uno dei più tolleranti ed accomodanti. Una gentilezza innata che si ritrova nello sguardo di ogni persona in ogni parte di questa isola ricca di colori e sapori. Si visitano i siti archeologici, testimonianza di una civiltà antica e ricca ma molto all’avanguardia; le piantagioni di tè che rendono l’ambiente verdeggiante e fresco; l’orfanotrofio degli elefanti, dove questi grandi ed unici animali vengono recuperati in caso di malattie e curati, per poi riportarli nel loro ambiente naturale. Insomma un viaggio che rimarrà nel cuore per la dolcezza e l’intensità che si respira.

1.460,00

1° GIORNO: Partenza dall’Italia

Partenza dall’Italia con volo di linea Emirates via Dubai. Pasti e pernottamento a bordo.

2° GIORNO: Colombo – Habarana

Arrivo all’aeroporto di Colombo dove i clienti verranno accolti dall’autista/guida parlante italiano. Partenza per Habarana che si raggiunge con un viaggio di circa 4 ore (Km 160 circa). All’arrivo check-in presso l’hotel Chaaya Village di Habarana. Pranzo in hotel.
Pomeriggio a disposizione con possibilità di effettuare una gita a dorso di elefante. Pomeriggio a disposizione per eventuali attività facoltative come una passeggiata a dorso di elefante a, della durata di circa 1 ora.

SAFARI A DORSO DI ELEFANTE
Passeggiata nella foresta e attraverso i villaggi di Dambulla a dorso di elefante, dove viene sistemata una seduta che può accogliere fino a 4 persone per un giro di un’ora o due.

3° GIORNO: Habarana – Anuradhapura – Mihintale – Habarana

Prima colazione in hotel. Partenza per la visita di Anuradhapura. Il trasferimento da Habarana ad Anuradhapura dura circa 1 ora e mezza (Km 60). Pranzo presso l’hotel Palm Garden Village. Dopo il pranzo visita del sito archeologico di Mihintale. Il trasferimento da Anuradhapura a Mihintale dura circa 20 minuti (Km 13).
Rientro ad Habarana. Cena e pernottamento all’Hotel Chaaya Village di Habarana.

ANURADHAPURA (UNESCO)
Patrimonio dell’umanità, questo sito si trova nel centro dell’Isola ed è stata la prima capitale dello Sri Lanka (5° secolo BC – 9° secolo AD), il centro della civilizzazione Buddhista dell’isola e indubbiamente la più grande città dell’antichità del paese.
E’ presente in questo sito, il più antico, storico albero documentato (oltre 2200 anni), il Sri Maha Bodhi che rappresenta il cuore di quest’area, in senso spirituale e fisico. Si tratta dell’albero della bodhi che è stato portato quando ancora era una piccola pianta ed è diventato sacro perché qui il Buddha vi attendeva l’illuminazione. E’ presente anche una camera delle reliquie e si possono ammirare numerosi monumenti abbelliti da sculture e intarsi, giardini, bagni e laghetti, un superbo sistema di irrigazione con bacini e canali che rappresentano la maggiore attrazione di Anuradhapura.

MIHINTALE
Poco distante da Anuradhapura, la montagna ricoperta di foresta e spesso nuvolosa, ha un grande significato per i Buddhisti perché è stato primo il posto dove è stato introdotto il Buddhismo in Sri Lanka nel 3° secolo BC.
Mihintale ha diversi luoghi di interesse – l’antica scalinata in granito di 1840 scalini, dagaba’s la casa delle reliquie e il refettorio dei monaci, la sala delle riunioni, la roccia della meditazione, grotte e bacini. Raggiungendo la cima si può godere di un bellissimo panorama dell’area verde circostante.

4° GIORNO: Habarana – Sigiriya – Polonnaruwa – Habarana

Prima colazione in hotel intorno alle ore 08.00 e partenza per l’escursione alla Rocca Fortezza di Sigiriya. Il trasferimento da Habarana a Sigiriya dura circa 30 minuti (Km 25). Rientro in hotel per il pranzo. Alle 14.30 partenza per l’escursione a Polonnaruwa. Rientro ad Habarana. Cena e pernottamento all’hotel Chaaya Village ad Habarana.

ROCCA FORTEZZA DI SIGIRIYA (UNESCO)
E’ Patrimonio dell’Umanità, è una delle più famose attrazioni dello Sri Lanka. Gli elementi di maggiore interesse sono i Giardini d’Acqua, gli Affreschi delle Donne, il Mirror Wall con antichi graffiti, la Piattaforma del Leone, e la sommità di 1,6 ettari che è stata completamente coperta di palazzi durante il periodo di gloria di Sigiriya. Costruita dal re Kashyapa (473 – 491 A.D.), la Rocca del Leone è una cittadella di inusuale bellezza che raggiunge i 200 metri di altezza dalla foresta. E’ la fortezza più interna di una città fortificata di 70 ettari. La base della rocca è circondata da un fossato, da un bastione e da un immenso giardino incluso il nuovo giardino d’acqua. Gli affreschi conosciuti in tutto il mondo che rappresentavano 500 donne (ora ne sono rimasti 19), si trovano in un’aerea protetta della rocca vicino ad una scala a chiocciola e sono la maggiore attrazione. Molti di questi affreschi sono andati perduti perché cancellati quando la rocca è diventata un monastero, al fine di non disturbare la meditazione. Gli affreschi sono dipinti con pigmenti di terra, sull’intonaco e in parte riparati da una galleria.
La scalinata conduceva alla cima attraverso la bocca di un leone accucciato di cui ora rimane solo la grandissima zampa, che dà l’indicazione delle massicce proporzioni della testa. Sulla sommità rimangono i resti della cittadella reale, insieme ad alcune grotte per la meditazione. Completano il sito, piccoli anfiteatri e piscine usate per i bagni.

POLONNARUWA (UNESCO)
Questa città medievale, Patrimonio dell’Unesco, ha accresciuto la sua fama come capitale, (10°-12° secolo AD) dopo il declino di Anuradhapura. L’intero paesaggio è punteggiato da una serie di immensi bacini costruiti dall’uomo, il più famoso dei quali è il Parakrama Samudra o il Mare di Parakrama, più grande addirittura del porto di Colombo. I monumenti sono piuttosto ben conservati e manifestano la gloria che lo Sri Lanka ha avuto in passato. I punti più interessanti da vedere sono il Palazzo Reale, un complesso che include il Palazzo del Re e la Sala delle Udienze, il Quadrilatero con la sua concentrazione di reperti archeologici e lo spettacolare Gal Vihare, il complesso con 4 imponenti immagini del Buddha, scolpito in un singolo monolite di granito, una rappresentazione della capacità artistica del popolo dello Sri Lanka nel passato.
In questo sito sono evidenti anche le influenze Hindu, come il Tempio ei Shiva ed alcune statue degli dei Hindu. Si possono ammirare molti templi buddisti suggestivi, come il Lankatilaka, la cui navata centrale conduce ad un Buddha in posizione eretta, privo di testa; il Watadage è la camera dove era custodita la reliquia del dente del Buddha; il Galpotha, Libro di Pietra; lo Stagno del Loto costituito da cinque anelli concentrici, che, probabilmente era usato dai monaci.

5° GIORNO: Habarana – Kandy – Dambulla – Matale – Kandy

Prima colazione in hotel. Check-out dall’hotel e partenza per Kandy. Durante il viaggio si visitano i Templi di Dambulla costruiti nella roccia. Il trasferimento dura circa 30 minuti (Km 25). Dopo Dambulla si procede verso Matale dove si visita di un Giardino di Spezie, dove si possono imparare le proprietà delle piante per i rimedi omeopatici. La guida spiegherà i differenti tipi di spezie, come vengono coltivate e usate nella cucina dello Sri Lanka o per la medicina omeopatica.
Il trasferimento da Dambulla a Matale dura circa 1 ora (Km 48). Pranzo al Giardino delle Spezie dove si può assaporare il tipico riso al curry presso la risaia nelle vicinanze. Il pranzo verrà organizzato intorno al tipico Kamatha. Dopo il pranzo, partenza verso Kandy. Il viaggio da Matale a Kandy dura circa 2 ore (Km 72). Verso sera, check-in all’hotel Cinnamon Citadel di Kandy. Cena e pernottamento.

DAMBULLA (UNESCO)
Situato nella provincia centro nord, questo patrimonio dell’umanità che risale al 1° secolo BC, è un affascinante complesso di 50 grotte, prima usato come rifugio da un anziano re che, per riconquistare il proprio trono, ha commissionato delle magnifiche immagini scolpite nella roccia. I successivi re hanno poi hanno completato le opere e ora le grotte contengono più di 150 immagini del Buddha di cui la più grande misura 15 metri.
Sono state ritrovate anche delle iscrizioni, risalenti al 2° secolo BC e sul muro si trovano una serie di pitture che risalgono al periodo di Kandy (19° secolo). Questo tempio è il posto ideale per rendersi conto dell’evoluzione dell’arte antica dello Sri Lanka e un’importate sito archeologico grazie alla presenza di materiali provenienti da diverse aree.
Da questi templi ci sono aree da cui si può vedere la Rocca di Sigiriya, distante circa 20 Km. Molte delle grotte sono state scolpite a mano e molte delle statue del Buddha sono ancora attaccate al muro.

KAMATHA
E’ la tradizionale aia delle tipiche fattorie dei coltivatori di riso dello Sri Lanka. Dopo il raccolto, viene creata una area piatta, dove posizionarlo e successivamente viene calpestato da un gruppo di bufali domestici. Una location simile è stata ricreata per i clienti, in una risaia. Dopo la visita per identificare e riconoscere le spezie dello Sri Lanka che crescono in un ambiente naturale, viene offerto un tipico pasto locale in ampi contenitori di argilla che sono sistemati intorno al Kamatha.

KANDY (UNESCO)
Una città molto viva e dove si respira un’atmosfera esotica, la Capitale delle colline e ultima roccaforte dei re Sinhala, è un patrimonio dell’umanità che mantiene un’aurea di splendore che il tempo non ha intaccato.
Circondata da colline, con un tranquillo lago nel centro, è il sito del restaurato tempio che custodisce la reliquia del Dente D’Oro del Budddha e del Giardino Botanico Reale, casa della più bella collezione di orchidee. E’ un santuario dove molte leggende, tradizione e folklore vengono conservati amorevolmente. Kandy e i villaggi circostanti sono il centro dell’industria manifatturiera dell’isola (prodotti di legno, ottone e argento), squisiti prodotti di gioielleria in oro e argento, preziose gemme di diverse varietà incluso il più bello zaffiro blu.
A Kandy, durante luglio e agosto, si tiene la Esala Perahera, una festa che dura 10 splendide notti, durante le quali, una copia della Reliquia del Dente D’Oro viene portata in processione da ballerini con abiti tradizionali, attori e circa 100 elefanti.

6° GIORNO: Kandy – Peradeniya – Pinnawela – Kandy

Prima colazione di mattino presto. Partenza per la visita al Giardino Botanico Reale di Peradeniya. Partenza per Pinnawela e visita al famoso Orfanotrofio degli Elefanti. Si arriva in tempo per vedere il bagno e il pasto degli elefanti cuccioli che vengono alimentati attraverso dei grossi biberon. Il viaggio da Kandy a Pinnawela dura circa 1 ora (Km 40). Pranzo in un ristorante locale. Dopo la visita dell’Orfanotrofio, ritorno a Kandy e resto del pomeriggio a disposizione. Cena e pernottamento all’hotel Cinnamon Citadel di Kandy.

IL GIARDINO BOTANICO REALE
Situato a circa 460 metri sul livello del mare, si trova vicino a Kandy a Peradeniya ed è bordato dal fiume Mahaweli. Il Giardino Botanico, è stato fondato nel 1821 dai colonizzatori inglesi. Prima di questo era il Giardino dei re di Kandy. Si possono vedere molte delle più caratteristiche collezioni di piante e ed alberi del mondo (più di 4000 specie).
Molti dei visitatori “importanti” come la Regina Elisabetta, Marshal Tito, il cancelliere Henry Kissinger e Juri Gagarin, hanno piantato delle piante in ricordo della loro visita. All’interno del Giardino è presente la famosa Casa delle Orchidee che contiene una delle più vaste collezioni di Orchidee dell’Asia; si possono visitare anche i 2 Quartieri Generali della Seconda Guerra Mondiale di Lord Mountbatten da dove ha pianificato, condotto e completato l’Operation Zipper, il piano definitivo per l’occupazione di Singapore e della Malesia da parte dei giapponesi.

L’ORFANOTROFIO DEGLI ELEFANTI
Situato tra le colline della zona di Kegalle, è un’area davvero unica, dove i cuccioli pesano 60 kg o più. E’ il primo e unico orfanotrofio creato per nutrire, curare ed ospitare elefanti giovani che si sono persi o sono stati abbandonati dalla madre. Gli altri elefanti presenti più anziani sono stati accolti perché cacciati dal loro ambiente naturale dove magari sono state fatte delle costruzioni o altri che invece sono stati trovati feriti. I visitatori possono godere di uno spettacolo unico, quello di vedere mentre vengono nutriti gli elefanti cuccioli con dei grossi biberon o mentre fanno il bagno. E’ davvero un posto suggestivo. E’ stato creato nel 1975 per ospitare gli elefanti feriti o malati e poi è passato anche a programmi di nascita e crescita che hanno portato alla nascita di 25 elefanti dal 1984.

7° GIORNO: Kandy – Nuwara Eliya

Prima colazione in hotel. Partenza per Nuwara Eliya. Visita alla piantagione e alla fabbrica del tè, per imparare il procedimento di raccolta e produzione del tè.
Il trasferimento da Kandy a Nuwara Eliya dura circa 2 ore e mezza (Km 82). All’arrivo check-in all’hotel St. Andrews. Nel pomeriggio, visita di Nuwara Eliya. Cena e pernottamento all’hotel St. Andrews di Nuwara Eliya.

NUWARA ELIYA
E’ il cuore dell’area collinare dello Sri Lanka. E’ la casa del famosissimo Tè di Ceylon e le colline sono ricoperte da un tappeto di piantagioni di tè che intervallate da ruscelli e piccole cascate. L’area è caratterizzata da un clima salubre e fresco, diverso dal resto dello Sri Lanka dove il clima è più caldo e umido. L’atmosfera e delicatamente inglese e sembra un piccolo paese nel paese che attrae molti visitatori per la sua unicità.

8° GIORNO: Nuwara Eliya – Kihtugala – Colombo

Prima colazione in hotel. Partenza per Colombo passando da Kihtugala, la famosa location dove è stato girato il film “Il Ponte sul fiume Kwai”. Pranzo in un ristorante locale a Kithugala. Il viaggio da Nuwara Eliya a Kithugala dura circa 5 ore (Km 200). Arrivo a Colombo e check-in all’hotel Cinnamon Red. Di pomeriggio breve visita della città di Colombo. Cena e pernottamento all’hotel Cinanmon Red in Colombo.

COLOMBO
Colombo è la Capitale Amministrativa dello Sri Lanka. E’ una città molto affascinante, caratterizzata da un mix di presente e passato. E’ stata in passato ed è tuttora il centro commerciale del paese. In questa città si possono trovare elementi riconducibili a tutti i popoli dominatori: portoghesi, olandesi e inglesi. Le tradizioni di questi popoli si possono ritrovare ancora, oltre che nella lingua, anche nelle tradizioni, nella religione, nella cultura e nel cibo. Molti dei monumenti e delle chiese presenti a Colombo risalgono ancora alle varie epoche di presenza di questi popoli.
Tra i luoghi di interesse si trovano il Forte che durante la dominazione europea era davvero un forte, circondato dal mare su due lati e con un fossato lungo i due lati uniti alla terraferma; adiacente al Forte, il famoso bazar di Pettah, uno dei più antichi quartieri di Colombo. Altri posti di interesse sono i numerosi templi Buddhisti e Hindu, le aree residenziali, il Museo di Colombo, lo showroom dei prodotti di ceramica, le boutique di abbigliamento e shopping mall. Altri due posti di interesse sono il Nuovo Parlamento e il centro dell’arte.
Come tutte le capitali dei paesi in via di sviluppo, anche Colombo cambia volto molto velocemente. Nonostante le numerose nuove costruzioni, viene comunque mantenuto il fascino del passato grazie a molti palazzi in stile coloniale britannico e la Torre dell’Orologio antica di 100 anni.

9° GIORNO: Colombo – Rientro in Italia

Prima colazione. Partenza per l’aeroporto per il rientro in Italia con volo di linea Emirates via Dubai. Il trasferimento dall’hotel Cinnamon Red all’aeroporto di Colombo dura circa 1 ora (Km 40).

10° GIORNO: Arrivo in Italia

Arrivo in Italia e fine dei servizi.

Print Friendly, PDF & Email
Seguici e metti mi piace su:
0

Recensioni

0.0
0
0
0
0
0

Recensisci per primo “Invito allo Sri Lanka”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ancora non ci sono recensioni.

Prodotti correlati

Viaggiatori nel Mondo
preloader