EuropaFeaturedSpagnaStorie dal Mondo

Isole Canarie. Betancuria, la Capitale dimenticata di Fuerteventura

Sono le 12 di una calda giornata estiva. Da lontano l’orizzonte si sfoca nel presagire il calore che brucia.

L’aria è tersa, ferma, immobile. L’afa ovatta la scena. Non un sussurro di vento, non un sussurro di ombra, non un sussurro di uomo.



Betancuria è abbandonata, lasciata, dimenticata.

Eppure Betancuria è lì, nel cuore dell’isola di Fuerteventura, in una fertile vallata al riparo dal vento e circondata da rilievi che più di dieci secoli fa diedero riparo ai primi coloni europei.

Betancuria è lì proprio sotto i miei occhi. Da lontano, sfocata, la si percepisce brillante con il suo candido colore bianco, che spicca nel verde della vallata.

L’influsso caraibico si fa sentire; a me sembra di essere in un vecchio paesino messicano. A lei non sembra dar fastidio la mia presenza, nonostante non sia molto abituata a visite estranee. Io posso solo stare in silenzio, ed osservare con gli occhi e con il cuore. Gli abitanti sono appena duecento e lei, Betancuria, li conosce tutti, ne ricorda ogni singolo volto.

Lei, Betancuria, è timida e silenziosa ma purtroppo per lei è anche dannatamente bella e a quest’ora del giorno non può fare a meno di mostrare il suo fascino. Muri bianchi che si stagliano su cieli azzurri creano scorci metafisici; porticine nascoste; strette vie; fiori ovunque; terrazzi assolati, balconi decorati, un ruscello all’ingresso e un campanile fedele alla semplicità dell’architettura sacra alla quale si aggrappa, l’Iglesia di Santa Maria. Lei, Betancuria ha il sangue latino e sembra essere abituata all’afa ed al calore. Il suo segreto è rimanere immobile e rendere eterna la sua bellezza.

Pochi sanno che Betancuria è la capitale storica dell’isola di Fuerteventura, ma oramai decentrata rispetto alla più popolare zona nord dell’isola. Questa borgata resta lontana dagli occhi indiscreti e invadenti dei turisti e si rivela nella sua timida bellezza ai temerari che ne intraprendono il viaggio e dispongono gli occhi e l’anima a cogliere la meraviglia della semplicità che Betancuria regala.

Condividi l'articolo con i tuoi amici
Tags

Mariangela Varalli

Interior Designer con la passione per i viaggi e la fotografia ed un debole per la scrittura. Sono una piccola donna curiosa, istintiva, creativa e tutto fare. Un viaggio da organizzare, un libro da finire, una foto da guardare e un'idea da sviluppare sono io.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close