Discovering Andalucia – orizzontale

Tour tra Canyon e Indiani

In bassa stagione, quando la luce per le fotografie è la migliore e le folle di turisti sono un lontano ricordo, partiamo alla scoperta dei magici parchi nazionali della Indian Country. Unitevi a noi per la visita dei parchi di Zion, Bryce, Arches, Canyonlands, Capitol Reef e naturalmente nel maestoso Grand Canyon. Avremo inoltre la possibilità di inerpicarci per il famoso Antelope Slot Canyon, fare un giro in Jeep nella Monument Valley e una camminata fino a Horseshoe Bend per fare splendide fotografie. Proseguiremo poi per i parchi meno visitati di Bandelier e Canyon de Chelly, dove visiteremo accompagnati dai Navajo siti rupestri e antiche rovine indiane. Faremo la conoscenza degli indiani Hopi visitando il villaggio di Walpi abbarbicato su una mesa, uno dei più antichi insediamenti degli Stati Uniti. A Taos potremo ammirare un antico pueblo fatto di mattoni di fango, riconosciuto dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità, per poi passare due giorni nella più antica città degli Stati Uniti, Santa Fe, fondata nel 1610.

2.560,00

Discovering Andalucia – orizzontale

1° GIORNO – ARRIVO – LAS VEGAS

Arrrivo a Las Vegas e trasferimento libero in albergo. Pernottamento e prima colazione al La Quinta Hotel 3* (o similare).

2° GIORNO – ZION NATIONAL PARK

In mattinata incontro con la guida locale in hotel per il benvenuto e un piccolo briefing sul tour. Partenza per il Parco Nazionale di Zion, dove un piccolo ruscello, il Virgin River, ha scavato un canyon profondo 800m tra ripide pareti di arenaria rosso intenso. Qui si possono effettuare alcune delle passeggiate più caratteristiche. Pranzo al sacco in corso di escursione. Nel pomeriggio partenza per la prima passeggiata, alle belle Emerald Pools. Pernottamento e prima colazione all’Holiday Inn Express 3* (o similar).
Emerald Pools: 2-3 ore, dislivello +/-200m

3° GIORNO – ZION NATIONAL PARK

Giornata dedicata alla visita di questo bellissimo parco. Potete scegliere tra la East Rim Walk, fatta in autonomia (il capogruppo vi lascerà lì) o una passeggiata guidata in cima all’Angels Landing, una struttura monolitica di arenaria spesso utilizzata come punto d’atterraggio dai maestosi condor. La camminata termina con una ferrata piuttosto impegnativa, da effettuare in autonomia. Pranzo al sacco in corso di escursione. Il pomeriggio ci sarà tempo per passeggiare nelle famose gole (Narrows) del Virgin River (si possono noleggiare stivali di gomma per $15-25).
Angel’s Landing: 4-5 ore, circa 8 km, dislivello +/-450m
Narrows: 1-2 ore, circa 3-5 km, dislivello +/-0m
East Rim (solo andata, in autonomia): 6 ore, 13 km, dislivello -600m/+200m

4° GIORNO – BRYCE CANYON

Da molti il Bryce Canyon è considerato il più bello dei parchi americani. Forze tettoniche hanno sollevato l’alveo di un antico lago, esponendo agli agenti atmosferici il deposito di tenera arenaria. Il gelo e il vento portano avanti l’erosione cesellando la roccia e creando degli effetti spettacolari. Si camminerà in un gigantesco anfiteatro con colonne di pietra rosso scuro, rosa, viola. In autunno i colori della natura creano un contrasto magico con la roccia rossa. Pranzo al sacco in corso di escursione. Aspetteremo il tramonto per avere l’opportunità di fare splendide foto, quando la roccia è soffusa dalla luce tenue della sera e i colori risultano più accesi. Pernottamento e prima colazione al Bryce View Lodge 3* (o similare).
Peekaboo e Navajo Loop: 4 ore, circa 13 km, dislivello +/-300m

5° GIORNO – CAPITOL REEF NATIONA PARK

Partenza percorrendo la Highway 12, una delle strade più belle degli Stati Uniti. Attraversando dune di sabbia pietrificata si passerà per strade strette e canyon scoscesi, con viste fantastiche di gran parte dello Utah meridionale. Sulla Boulder Mountain i colori autunnali dei pioppi tremuli sono spettacolari. Attraversando il deserto dello Utah si effettuerà una sosta al Parco Nazionale di Capitol Reef. Qui si proseguirà a piedi fino alla sommità del Cassidy Arch, dove un tempo Butch
Cassidy e Sundance Kid si nascondevano dalle autorità. Pranzo al sacco in corso di escursione. Arrivo a Moab nel tardo pomeriggio. Pernottamento e prima colazione al Moab Valley Inn 3* (o similare).
Cassidy Arch: 2-3 ore, circa 5 km, dislivello +/- 180m

6° GIORNO – ARCHES NATIONAL PARK E CANYONLANDS

Sia gli Arches che Canyonlands sono famosi tra gli escursionisti: qui i sentieri conducono a pareti e archi di roccia che competono con il Grand Canyon. Nel Parco degli Arches si camminerà per Park Avenue, passando sotto la Balanced Rock, per poi addentrarsi nei Windows, con gli indimenticabili archi di pietra. Si raggiungerà infine Delicate Arch, spesso incorniciato dalle La Sal Mountains innevate. Pranzo al sacco in corso di escursione. Nel pomeriggio proseguimento per Canyonlands, dove il Colorado e il Green River hanno eroso un canyon di 800 m. Qui si camminerà fino al famoso Mesa Arch, appollaiato precariamente su uno strapiombo. Si ammirerà il tramonto dal Dead Horse Point State Park per un panorama mozzafiato del Colorado River. Pernottamento e prima colazione in albergo.
Arches e Canyonlands: 3-4 ore, circa 10 km, dislivello +/-300m

7° GIORNO – NEGRO BILL CANYON E MONUMENT VALLEY

Scegliete tra un giro in Jeep nei canyon, un’avventura in canyoneering negli slot canyon oppure una camminata guidata dal capogruppo al Morning Glory Bridge nel Negro Bill Canyon (tutti facoltativi). Partenza da Moab per dirigerci verso sud. Verso la fine del pomeriggio si raggiunge la Monument Valley, dimora dei leggendari Navajo. La tribù locale offre giri in Jeep guidati (facoltativo da $70), permettendo di conoscere da vicino il mondo delle popolazioni nomadi che abitano questa zona. Nei giri in Jeep riusciremo a vedere gli hogan, le tradizionali capanne di fango indiane, e ad ammirare la bellezza della valle resa famosa da Hollywood. Pranzo al sacco in corso di escursione. Pernottamento e prima colazione al Kayenta Monument Valley Inn 3* (o similare).

8° GIORNO – LAKE POWELL – ANTELOPE CANYON – HORSESHOE BEND

Dopo un breve spostamento (1.5 ora) si raggiunge l’Antelope Canyon, il più famoso slot canyon della zona. In estate questo luogo è molto affollato dai turisti, mentre ora dovremmo essere fortunati e avere gran parte del canyon superiore o inferiore tutto per noi. I paesaggi sono spettacolari tutto l’anno. La famiglia Navajo locale che possiede i canyon fa pagare
l’ingresso circa $40 per visita (facoltativa). Proseguimento per Page sul Lake Powell, dove si raggiungerà a piedi il belvedere che sovrasta l’impressionante Horseshoe Bend. La prossima sosta è il Grand Canyon, riconosciuto dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità. Pranzo al sacco in corso di escursione. Pernottamento e prima colazione al Red Feather Lodge 3* (o similare).

9° GIORNO – GRAND CANYON

Il Grand Canyon è stato riconosciuto dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità e, benché molti turisti lo visitino, pochi ne percorrono i sentieri. Se lo desiderate, potete fare un’escursione nel canyon fino al Plateau Point, oppure camminare lungo il West Rim, da cui si godono viste incredibili (le escursioni nel Parco Nazionale del Grand Canyon vengono condotte in autonomia per le norme sui permessi). Pranzo al sacco. Pernottamento e prima colazione in albergo.
Kaibab Ridge: 3-4 ore, circa 5 km, dislivello +/- 300m
Plateau Point: 8-12 ore, circa 20 km, dislivello +/-1150m
Escursione lungo il bordo: fino a 4 ore, fino a 13 km, dislivello +/-50m

10° GIORNO – LE HOPI MESAS,

mattinata a disposizione per attività facoltative. Ci sarà la possibilità di fare uno straordinario volo in elicottero sul Grand Canyon (facoltativo, circa $180). Partenza verso est per le remote Hopi Mesas degli indiani Pueblo. Si trova qui uno dei più antichi insediamenti abitati degli Stati Uniti. Gli indiani Hopi, famosi per la cultura pacifica, abitano da lungo tempo in villaggi arroccati su alture. Visita di Walpi, un villaggio di 1000 anni abbarbicato su un altopiano sopra il deserto. Pranzo al sacco in corso di escursione. Nel pomeriggio sosta allo Hubbel Trading Post, un affascinante museo vivente, che permette uno sguardo nella vita del selvaggio West. Proseguimento per la piccola città indiana di Chinle, nel cuore della riserva Navajo, e pernottamento e prima colazione al Holiday Inn 3* (o similare).

11° GIORNO – I CANYON DEI NAVAJO

Il Canyon de Chelly è un canyon rosso scuro di straordinaria bellezza ancora abitato dai Dineh, il popolo Navajo dedito all’agricoltura. Per i Navajo questo canyon è sacro in quanto vi si trova Spider Woman, un’importante formazione rocciosa della loro religione. Per salvaguardare la cultura della popolazione, sono consentite solo passeggiate con guida Navajo. Camminata con una guida locale per questo bel canyon alla scoperta dell’arte rupestre e dei villaggi rannicchiati in una rupe degli Anasazi. Pranzo al sacco in corso di escursione. Pernottamento e prima colazione in albergo.
Bare Trail: 6 ore, circa 16-19 km, dislivello +/-
300m

12° GIORNO – ROUTE 66 – ROUTE 66 – SANTA FE

Partenza verso est lungo la Route 66, si passerà attraverso deserti di lava e dalla vecchia cittadina commerciale di Gallup prima di raggiungere Santa Fe. Fondata nel 1610 da coloni spagnoli, la capitale del New Mexico è ricca di storia. Vi si trova la chiesa più antica degli Stati Uniti e la maggior parte degli edifici sono di mattoni di fango rosso in stile adobe. La città è
circondata da numerosi villaggi indiani, la cui splendida manufattura viene venduta nella plaza. Pranzo al sacco in corso di escursione. Nel pomeriggio visitia a piedi di questa bellissima città. Pernottamento e prima colazione al La Quinta 3* (o similare).

13° GIORNO – BANDELIER NATIONAL MONUMENT

A nord di Santa Fe si trova il Pueblo di Taos, Patrimonio dell’Umanità UNESCO, un villaggio su cinque piani di mattoni di fango rosso, abitato da secoli dagli indiani Teva. Visita del villaggio passeggiando tra i bellissimi edifici e incontrando la gente del luogo (l’ingresso è compreso, ma la tribù fa pagare per le fotografie). Pranzo al sacco in corso di escursione. Il pomeriggio proseguimento per il Bandelier National Monument, dove si camminerà in un canyon lussureggiante vicino a innumerevoli abitazioni rupestri, scolpite nella pietra vulcanica dagli antichi indiani Pueblo. Pernottamento e prima colazione in albergo.

14° GIORNO – PARTENZA

Trasferimento libero all’aeroporto di Albuquerque (ci sono navette shuttle per l’aeroporto al costo di $ 35 circa per persona) in tempo per il volo di ritorno.

Print Friendly, PDF & Email
Seguici e metti mi piace su:
0

Recensioni

0.0
0
0
0
0
0

Recensisci per primo “Tour tra Canyon e Indiani”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ancora non ci sono recensioni.

Prodotti correlati

Viaggiatori nel Mondo